ImmigrazioneOggi Tasse e fisco
< Home News ed Eventi Punti di vista Associazioni in rete Consulenze Salute e Benessere Newsletter Redazione Onlus
Tasse e fisco
Informazioni e consigli


27 settembre 2013
… effetti collaterali per l’aumento delle indirette.
Le nuove aliquote per l’applicazione dell’imposta di registro sono quella del 9% e quella del 2% (quest’ultima per la “prima casa”).


Se una compravendita del valore imponibile di euro 100.000 in forza della vecchia normativa, quella di oggi, avrebbe un carico fiscale di euro di euro (7.000 + 2.000 + 1.000), sarebbe a dire 7% di registro più 2% e 1% di ipotecaria e catastale, per un totale di euro 10.000, dal 1° gennaio 2014 si avrà una tassazione di euro (9.000 + 50 + 50) per un totale di euro 9.100 (ovvero 9%+2%+1%). Fin qui poco mal in quanto, il legislatore, ha concretamente raggiunto l’obiettivo di aumentare l’imposta di registro.
Se entra in ballo l’IVA, ad esempio per una vendita imponibile pattuita per il prezzo di euro 100.000, oggi abbiamo una tassazione di euro (10.000 + 168 + 168 + 168) 10% di IVA, registro, ipotecarie e catastali in misura fissa, per un totale di 10.504, mentre dal 1° gennaio 2014 in poi, si avrà una tassazione di euro (10.000 + 200 + 200 + 200), sempre 10% di IVA oltre le nuove imposte fisse, per un totale di 10.600.
Proponiamo ulteriori casi:
a) se vende un privato o un soggetto Iva esente, avremo una tassazione attuale di euro (3.000 + 168 + 168 =) 3.336, contro una tassazione futura di euro (2.000 + 50 + 50 =) 2.100;
b) con una vendita imponibile IVA, si passa da uno scenario attuale di euro (4.000 + 168 + 168 + 168 =) 4.504 a un nuovo scenario di euro (4.000 + 200 + 200 + 200 =) 4.600.
È evidente quanto ingiustificabile sia la maggior tassazione che subiscono acquisti eseguiti da imprese, rispetto a quelli che hanno come venditore un soggetto privato.
(Serpieri & Associati)



Supplemento informativo in materia di tasse e fisco a cura di:



Via Piave, 28 - 01100 Viterbo
T +39 0761 303225 / +39 0761 328799
F +39 0761 227380

Viale Romagna, 1 - 20123 Milano
T +39 02 76115067
F +39 02 76113078

mailbox@studioserpieri.it
mailbox@pec.studioserpieri.it


Note sulla lettura
Gli articoli redatti da questo Studio, non sempre sono comprensibili a chi non è dell’arte. Del resto la materia è ostica e sempre più complessa. Quello che consigliamo non è cercare di capire per forza cosa vogliano dire certe parti, sottraendo tempo al Vostro lavoro, che peraltro, è la cosa più importante. Queste informazioni devono essere utili a far nascere nel lettore il dubbio sul fatto che certi argomenti possano essere di suo interesse. Peraltro, ciò è già spesso comprensibile dal solo titolo.
Nel caso, sarà nostra cura approfondire col lettore i vari argomenti su cui è caduta la sua attenzione, affinché sia possibile risolvere eventuale problematiche esistenti.
Pertanto, nel dubbio, lasciate i vostri commenti e sollevate le considerazioni che sono emerse dalla lettura, per vedere assieme quali argomenti possano essere di reale interesse.

 
  © 2006-2013, Studio Immigrazione