ImmigrazioneOggi Associazioni in rete
< Home News ed Eventi Punti di vista Associazioni in rete Consulenze Salute e Benessere Newsletter Redazione Onlus
 
Iniziative e progetti


10 ottobre 2013
Tre borse di studio per rifugiati e titolari di protezione internazionale in memoria di Lê Quyên Ngô Ðình.
Iniziativa per ricordare la responsabile dell’Area immigrati della Caritas. Presiede la commissione l’ambasciatore Staffan de Mistura.


La Caritas diocesana di Roma ricorda Lê Quyên Ngô Ðình, operatrice responsabile dell’Area immigrati prematuramente scomparsa nel 2012, con un bando di concorso per tre Borse di Studio Lê Quyên Ngô Ðình per rifugiati e protetti internazioni.
“Lê Quyên Ngô Ðình, che per oltre vent’anni si è spesa per la tutela e la promozione dei diritti dei migranti e dei titolari di protezione internazionale, ha sempre tenuto in altissima considerazione il valore dell’educazione accademica sostenendo l’idea che i migranti e i protetti internazionali non dovessero essere esclusi dalla possibilità di avere accesso agli studi universitari e impegnandosi per rimuovere gli ostacoli di ordine giuridico ed economico che impediscono tale accesso. Per questo vogliamo ricordarla promuovendo iniziative che favoriscano l’accesso agli studi di rifugiati e titolari di protezione”, ha spiegato monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma.
Lê Quyên Ngô Ðình è arrivata in Italia nel 1963 dal Vietnam, in giovanissima età, ed ha completato nel nostro Paese il suo percorso di studi. Nel 1969 fu tra i primi stranieri a ricevere lo status di rifugiato politico. Parallelamente all’attività di studi e ricerche sui diritti umani nelle Università di Napoli e Roma, dal dicembre 1992 al novembre 1996 Ngô Ðình è stata responsabile del Centro ascolto stranieri della Caritas romana, l’osservatorio più ampio e strutturato sull’immigrazione nell’ambito del volontariato in Italia.
Dal 1997 è stata nominata responsabile dell’Area immigrati della Caritas, con il ruolo di coordinamento e supervisione dei servizi e dei progetti destinati ai cittadini stranieri immigrati, rifugiati e vittime di tratta: centri di ascolto, sportelli informativi, centri di accoglienza per uomini, donne e famiglie, asili nido. Dal luglio del 2000 al dicembre del 2007 è stata anche responsabile del Coordinamento nazionale Asilo della Caritas italiana e del Progetto rifugiati, coordinando le attività in materia di asilo di 46 Caritas diocesane. Membro della Commissione migrazioni di Caritas Europa, di cui è stata anche presidente, dal giugno 2009, ha assunto la presidenza della sezione italiana dell’Awr (Associazione per lo studio del problema mondiale dei rifugiati), organizzazione non governativa a carattere internazionale, con status consultivo presso le Nazioni unite e il Consiglio d’Europa. Nel 2010 venne eletta vicepresidente della Awr Internazionale.
Nell’aprile 2008 ha ricevuto la cittadinanza italiana con decreto del Presidente della Repubblica per “eccezionale interesse dello Stato”. Lê Quyên Ngô Ðình è tragicamente scomparsa il 16 aprile 2012 a seguito di un incidente stradale.
La commissione che assegnerà le borse di studio è presieduta dall’ambasciatore Staffan de Mistura.
Il bando e altre informazioni sull’iniziativa sono disponibili nel sito della Caritas di Roma.


(Caritas Roma)



 
 
  © 2006-2013, Studio Immigrazione